racconti porno gay racconti erotici gay shota

 racconti porno gay racconti erotici gay shota

racconti porno gay
 racconti porno gay Avere diciotto anni e sprizzare voglia di vivere da tutti i pori , di vivere e di godere , questo ero io .

Mi sentivo più eccitato del solito quel venerdì sera al ritorno verso casa , dopo una serata passata con la ragazza quella sera la sentivo diversa , in me minuto dopo minuto sentivo che cresceva la voglia di vivere quella serata andandomene in giro per la città nella notte alla ricerca di un qualche cosa di diverso .
L'incognito in quel momento era tutto .
Frequentavo in quel periodo una ragazza cosciuta in discoteca un paio di mesi prima , Loretta , una bella ragazza più piccola di me dai capelli castani tagliati corti e dagli occhi neri , con lei spesso e volentieri ci fermavamo in macchina nei viottoli e stradine di periferia della città alla ricerca di intimità , intimità fatta di baci e di carezze .
Mi piaceva quella ragazza , ero cotto di lei .
Lei mi permetteva di succhiarle le piccole tettine ancora in fase di crescita , due tettine meravigliose piccole ed appuntite che inevitabilmente mi facevano bagnare dentro agli slip , io a farmi massaggiare sopra i jeans .
Distesa sul sedile ribaltabile della mia auto con le gambe strette come a nascondere un tesoro , gambe snelle e perfette rischiarate dal chiarore della luna , si faceva toccare e baciare .
La sua pelle dolce e profumata elettrica al mio tocco ladro ed inesperto fremeva alle mie mani avide che si riempivano di lei .
Passavamo ore in macchina , ore d'amore platonico , la rispettavo .
Ma questo non mi bastava , volevo di più da lei , da lei che pur eccitata quanto me riusciva sempre a portarsi a casa la sua purezza anche se bagnata .
Poi come al solito verso mezzanotte la riportavo a casa e tutto finiva con un bacio e un nuovo appuntamento .

Quella sera sulla strada del ritorno verso casa mi fermai in un bar per una bibita e per poter andare in bagno , nel bar pochi clienti , alcuni concentrati a guardare la televisione appesa al muro , alcuni a giocare a carte .
Al banco ordinai una bibita poi chiesi del bagno , sorseggiai un paio di volte la bibita poi mi diressi verso di questi ed entrai chiudendomi la porta alle spalle senza bloccarla .
Dato che da tempo mi sentivo oppresso negli slip mi abbassai i jeans fino a metà coscia poi iniziai a fare pipi .
Mi stavo rilassando quando d'improvviso a metà pisciata alle mie spalle si aprì la porta , istintivamente la bloccai , ma in ritardo , anche se di poco la porta si aprì incrociando lo sguardo di un signore sorpreso quanto me che subito chiese scusa , e questo lo disse mentre il suo sguardo si soffermava sul mio fondoschiena fuori per metà dai miei pantaloni .
Si scusò di nuovo poi richiuse .
Terminai di fare pipi poi lasciai il bagno libero al signore che aspettava fuori , mi diressi verso il bar ripresi il mio bicchiere in mano ed andai verso di un tavolo libero dove sopra vi era un giornale , mi sedetti ed iniziai a sfogliarlo distrattamente fino a che alzando lo sguardo notai che il signore incrociato in bagno poco prima stava parlando col proprietario del bar dietro al bancone .
Parlavano guardando verso di me , io feci finta di nulla ma poco dopo il signore incontrato al bagno mi si avvicinò chiedendomi se dietro compenso sarei stato disposto ad accompagnarlo a casa , disse di avere avuto problemi con la macchina e di essere stato costretto a lasciarla lungo la strada in attesa che l'indomani il proprio meccanico la andasse a recuperare .
Ci pensai una frazione di secondo poi accettai .
Si offerse di pagare la mia bibita oramai finita , salutammo il proprietario del bar , poi uscimmo in direzione della mia mitica Renault 4 parcheggiata poco distante .
Quando fummo saliti a bordo allungandomi una mano si presentò .
Io mi chiamo Roberto , disse .

racconti porno gay

Io Fabio , risposi stringendogliela .
Misi in moto chiedendo il percorso da fare e lui mi indicò una zona periferica della città di Lodi , praticamente dalla parte opposta da dove eravamo .
Mentre guidavo mi chiese ancora scusa per l'episodio successo nel bagno del bar , disse che avrebbe dovuto bussare prima di entrare ma che essendo sovrappensiero causa la macchina in panne non ci pensò .
Anche io ho sbagliato , dovevo chiudere la porta a chiave ma anche io ero distratto , dissi con un sorriso .
Era un signore distinto di un'età approssimativa di cinquantacinque anni robusto e con molta pancia , gli occhiali spessi e quasi calvo , alto non meno di un metro e ottanta e dall'espressione buona .
Stavi pensando alla ragazza e !, disse lui dandomi una pacca sulle ginocchia amichevolmente .
Le Donne non le capirò mai , risposi serio .
Perchè hai litigato con la ragazza , chiese lui curioso .
No , però dicono di volerti bene poi ti mandano a casa in stato pietoso , si fanno toccare e baciare poi quando è il momento di arrivare al dunque si chiudono a riccio lasciandoti la voglia dentro .
Si è vero le Donne ti fanno eccitare poi scappano , ma non sono tutte così , ho notato la tua chiazza umida che avevi sugli slip mentre li avevi abbassati in bagno e da come era grande l'alone ne deduco che la serata non ti è andata poi tanto male .
Si è vero ma mi è restata una voglia dentro che appena a casa mi butto sotto la doccia con l'acqua fredda .
Dopo una decina di minuti seguendo le sue istruzioni arrivammo dall'altra parte della città dove ci infilammo in un viale alberato dove ai bordi di questi vi era un corteo di macchine parcheggiate sui lati .
Siamo quasi arrivati a casa mia , se vuoi puoi salire da me a bere qualche cosa e magari darti una rinfrescata , io vivo solo e mi sento felice quando ho degli ospiti , ti va .
Il profumo dei fiori di primavera e l'aria fresca della notte sommata alla voglia di stare in giro senza il problema di alzarsi il giorno dopo per andare al lavoro mi fecero accettare .
Si , dissi , una mezzoretta la posso anche trascorrere in sua compagnia .
Senti Fabio , dammi pure del tu se non ti dispiace cosi potremmo parlare più liberamente .
Certo risposi .
Se riesci a trovare un posto libero fermati , io abito in quel palazzo .
Disse Roberto indicandomi un palazzo a quattro piani .
Trovai posto quasi vicino all'entrata del palazzo , parcheggiai a fatica poi scesi assieme a Roberto che già teneva le chiavi del cancello in mano , sull'ascensore mi disse di non fare rumore sul pianerottolo , disse che i vicino erano degli impiccioni .
In silenzio entrammo nel suo appartamento , un bel appartamento pulito ed accogliente , si avvicinò alla porta che dava sul balcone e disse : adesso non si vede perchè è buio ma da qui si vede tutta campagna aperta , posizione perfetta per avere casa , lasciatelo dire da me che me ne intendo , io come lavoro faccio l'architetto .
Ti piace ? Disse compiacendosi .
Si molto , dissi scrutando gli arredi e soprammobili in stile africano e cinese e di chissà quali altre parti del Mondo .
MA quello che mi colpì in assoluto in quella stanza fu un occhio azzurro dipinto su legno appeso alla parete , un occhio dalle ciglia d'orate che guardandolo ti penetrava dentro .
Cera pure una specie di alcova in quel grande salone , un'alcova formata da un specie di divano circolare di velluto verde che faceva angolo e di un piccolo baldacchino sopra con due drappi di velluto rosso ai suoi fianchi , un piccolo spazio dove potersi rilassare .
Mi piaceva quello stile diverso .
Ho girato parecchio il Mondo per ragioni di lavoro ed in ogni luogo mi sono preso un ricordo da portare a casa , disse Roberto .
Cosa posso offrirti ?
UN gelato , una birra .
Un gelato va bene risposi .
racconti porno gay

Mi fece accomodare in cucina e seduti al tavolo , io col mio gelato , lui co la sua birra che si era vuotato in una caraffa di vetro iniziammo a discorrere.
Parlammo di cose banali per una decina di minuti , il tempo di mangiare il gelato , poi disse che saremmo stati più comodi seduti sul divano in salotto .
Ci alzammo e ci dirigemmo verso quel piccolo angolo che sembrava un tempio ,
ci accomodammo , o meglio dire , ci allungammo sui soffici cuscini di quel quasi letto , poi disse : ora ti racconto cosa mi è successo l'altro giorno .
Dopo tanto tempo ho rivisto un mio amico , mi è venuto a trovare con sua moglie , una giovane orientale , e mi raccontò dei suoi viaggi in Giappone e di come aveva conosciuto sua moglie .
Disse di averla conosciuta in uno di quei locali malfamati dove si prostituiscono le ragazzine , la conobbe , la frequentò andandoci a letto , poi se ne innamorò e se la sposo .
Guardala bene Roberto , non è bella la mia Donna , è servizievole , ubbidiente ed ha vent'anni meno di me
Chiese il mio parere sulla bellezza della moglie e volle a tutti i costi che io la vedessi nuda .
Spogliati , ordinò il mio amico Gianni a quella piccola orientale che pareva
ben contenta di mostrarsi .
Lei d'avanti a me si spogliò completamente .
Sembrava una bambina , piccola e snella con il seno appena pronunciato .
Toccala se vuoi , lei non reagirà .
Non me lo feci ripetere , sapevo a cosa mirava , sapevo che ci godeva nel vedere la propria Donna nelle mani di un altro .
Seduto ai bordi di questo divano con le gambe aperte le feci segno di avvicinarsi e quando la ebbi in mezzo alle gambe le misi le mani sul culo iniziando a succhiargli i capezzoli appuntiti e dopo averli succhiati per bene la presi di peso facendola stare sulle mie ginocchia .
Era come un fuscello nelle mie mani quella giovane orientale che al tocco delle mie mani rispondeva con sospiri .
Se vuoi puoi fartelo succhiare , lei è maestra in questo .
Disse Carlo visibilmente eccitato .
Avere una giovane ragazza nuda sulle ginocchia , palparla e sentire il suo profumo mi metteva il fuoco addosso , mi alzai tenendola in braccio poi la feci scivolare a terra in modo che lei mi strusciasse la figa sui vestiti .
Lei si inginocchiò , mi abbassò i calzoni e le mutande lasciando libero il mio cazzo di ventidue centimetri ed iniziò a pomparmi , con una mano si toccava la figa , con l'altra mi soppesava le palle .
Dai succhia , voglio vedere il tuo viso che cola sborra .
Disse Gianni alla sua piccola moglie d'oriente mentre si faceva una sega .
Vedevo il suo dolce viso godere , le sue labbra sulla mia cappella schiudersi fino al limite nello sforzo di farsela entrare dentro e pompava , pompava in maniera meravigliosa facendomi arrivare al limite .
Lei lo sentì che da li a poco avrei sborrato , si tolse con la bocca ed iniziò una stupenda sega con la cappella a fil di labbra .
Mi fece sborrare sulla sua faccia .
Sborrai sul suo bel visino dagli occhi a mandorla schizzi di sborra che da prima la colpirono sulle labbra , poi guidandosi la direzione , sulla fronte e sul naso .
Alcune gocce del mio piacere si depositarono su uno dei suoi capezzoli , Gianni le vide e avido se le succhiò , si avvicinò col cazzo in procinto di raccontisesso venire al viso di Giada che era già una maschera di sborra e gli sborrò sopra .
Conoscendola Gianni sapeva della sua voglia di godere mentre colava sborra , si inginocchiò le mise una mano sotto al culo una sulla figa e infilandole dentro l'indice la sditalinò fino a farla venire .
Quando ebbe finito di godere la presi in braccio e la baciai sulle labbra intrise di sperma poi la depositai li dove sei seduto tu ora , le aprii le gambe e le leccai la figa .
Come era buona quella figa Fabio , una figa dolcissima .
Gianni soddisfatto di aver visto la propria Donna godere per lui la baciò teneramente sulle labbra poi tutto fini .
Tutto finì con Gianni che mi ringraziò nell'essermi prestato al gioco .
Io gli dissi che il piacere era stato tutto mio .
Ci lasciammo con un arrivederci .

Spero di non averti annoiato col mio racconto Fabio , disse Roberto studiandomi .
NO , è stato molto eccitante ma ora devo andare assolutamente in bagno ,
dissi scusandomi .
Mettiti pure comodo , non farti problemi .
Io mi alzai e lui fece altrettanto .
Mi è venuta un'idea ! , ti preparerò un bidet con dei sali che ho acquistato in Giappone , vedrai saranno un toccasana per il tuo cazzo .
Disse indicandomi la porta del bagno .
Quando entrambi fummo entrati da un'armadietto prese un'ampolla di vetro contenente una polvere azzurra e dopo aver miscelato l'acqua calda con quella fredda nel bidet ne versò una parte dentro facendola diventare azzurra .
Con voce roca chiese se poteva vedere il mio cazzo .
Tutti e due sapevamo come sarebbe andata a finire e questo mi eccitava , finalmente avrei trovato qualcuno che si occupasse delle mie voglie .
In un silenzio carico di erotismo mi si avvicinò e mettendosi in ginocchio ai miei piedi iniziò a slacciarmi i jeans .
Adesso togliamo tutto cosi sarà più dolce farti il bidet , disse guardandomi attraverso i suoi occhiali spessi .
Mi lasciai spogliare completamente fino a restare nudo d'avanti a lui col cazzo eretto e la cappella rosso fuoco .
Che bello disse pregustandoselo .
Si avvicinò con adorazione al mio pene e lo odorò sentendo gli umori di una sera .
Posso assaggiarlo mi supplicò .
Non risposi ma socchiusi gli occhi .
Lui spalancò la bocca e la richiuse a metà del mio cazzo , poi stette fermo per interminabili secondi prima di farmi sentire la sua lingua saettare sulla cappella : avevo il cazzo pieno di sborra e lui lo sapeva .
Che buon sapore che ha il tuo cazzo .
Disse impugnandolo saldamente per sentirne la durezza , poi se lo rimise in bocca .
Ero sul punto di sborrargli in bocca , non resistevo più .
Lui intuendo questo mollò il mio cazzo dalla bocca e restando vicinissimo con le labbra alla cappella disse : ora ti faccio venire .
Affannato , rosso in viso e col fiato corto iniziò a farmi una stupenda sega menando in direzione delle sue labbra socchiuse , una sega a velocità stabile , una sega che mi avrebbe fatto venire .
Vengo!, sto per venire , dissi .
Lui la vide arrivare .
Schizzai sulla sua faccia e nella sua bocca schizzi incandescenti regalandogli il mio piacere poi quando ebbi finito di sborrare me lo prese in bocca di nuovo succhiandolo fino a che non ce ne fosse più .
Ora mettiti sul bidet , disse facendosi passare una mano sul viso in modo da spalmarti il mio nettare .
Aspetta , devo fare pipi prima .
Mi avvicinai alla tazza del bagno e lui come un cagnolino mi seguì , nei suoi occhi la perversione .
Aspetta ! , siediti che voglio prendertelo in bocca mentre fai pipi .
Disse Roberto con un filo di voce rotta dall'emozione .
Mi lasciai guidare dalle sue parole e presi posto sulla tazza .
In ginocchio in mezzo alle mie gambe mi esortò a pisciare , poi facendosi più audace con la faccia quasi nella tazza me lo prese con due dita della mano destra e disse : su fai pipi .
Iniziai a pisciare con lo zampillo guidato dalle sue dita in direzione del suo viso sentendo di nuovo il piacere scorrere dentro di me , il tocco delle sue dita grassocce e delle sue labbra che a volte si chiudevano sulla mia cappella per riempirsi la bocca di pipi mi mandava in estasi , un'estasi che mi fece eccitare di nuovo e che mi creò una nuova erezione .
Sentivo la pipi che una volta colpita la faccia di Roberto ricadeva lungo il mio cazzo e sulle mie palle dandomi una sensazione di calore .
Fu eccitante pisciargli in bocca e fu eccitante sentirmi spruzzare sul petto la mia pipi sputata dalla sua bocca .
Mi succhiò i capezzoli , mi baciò la pancia poi disse mentre alcune gocce di pipi gli si erano fermate sul mento : ora siediti sul bidet .
Mi alzai gocciolando sia dal cazzo che dalle palle e mi sedetti sul bidet dove vi era quell'acqua azzurra preparata per me , mi appoggiai sommergendo le palle e subito sentii una sensazione di fresco pungente .
Roberto prese dallo stesso armadietto dove vi era la polvere azzurra un vasetto rosa contenente della crema di sapone bianca e ne prese una parte con due dita poi la spalmò sul mio cazzo in tiro ed iniziò a menare .
Che bel cazzo che hai Fabio .
Disse baciandomi il torace .
Ti piace così ?
Sospirò mentre raggiungeva un mio capezzolo .
Sii , risposi al tocco della sua mano insaponata , sii risposi a quel liquido azzurro che mi solleticava il piacere .
Manovrò la leva dello scarico e mandò giù una parte di acqua poi prese altra crema di sapone e mi massaggiò la palle libere dal contatto di quel liquido pungente e mi massaggiò e massaggiò anche il buchino che violò col dito medio , mi lavò delicatamente il tutto poi sussurrò : perchè non andiamo a letto .
Oramai ero nelle sue mani , sarei dipeso da lui passivamente .
Mi sciacquò , mi asciugò , poi mi portò in camera da letto e si spogliò completamente anche lui mostrandomi il suo pancione ed il suo cazzo importante che gli pendeva floscio fra le gambe .
Mettiti in mezzo al letto in ginocchio e chinato in avanti .
Suggerì Roberto .
Eccitato da quelle nuove sensazioni come un'automa salii sul letto e mi posizionai col culo in alto a sua completa disposizione .
Sei tutto da baciare , disse Roberto in ginocchio dietro di me .
Mi allargò il solco , mi baciò le palle , poi sentii la sua lingua penetrarmi.
Stavo godendo di nuovo .
Mi leccò e succhiò con ardore per qualche minuto poi si allungò sul letto col cazzo una meraviglia ed io senza bisogno di parole gli presi in bocca la cappella e cominciai a succhiare .
Alla pecorina su quel letto con il culo in alto e il cazzo in bocca godevo .
Sempre più eccitato Roberto allungò una mano verso il mio culo e mi penetrò con un dito facendomi impazzire , era nuovo per me quel trattamento ma ne godevo .
Poi volle che gli salissi sopra a gambe aperte sulla pancia .
Io lo cavalcai e lui mettendomi le mani sul culo mi attirò a se , verso la sua bocca spalancata .
Mi succhiò ingoiando anche le palle poi iniziò a farmi una sega con la cappella a fil di labbra .
Vuoi venire ancora o vuoi aspettare , disse con un filo di voce .
Si , voglio venire ancora , dissi .
Si fammi ancora una bella sborrata sulla faccia che io l'adoro la sborra , supplicò menando sempre più forte in direzione della sua bocca aperta .
Si prese in bocca la cappella e mentre con vigore menava si riempì di me .
Se lo tenne in bocca per qualche minuto , fino a quando non mi diventò piccolo poi mi fece scendere da quella comoda panciona , mi prese la testa fra le mani cercando di baciarmi , gesto che io non gradii scappando col viso poi mi disse : fammi una sega Fabio , ti prego fammi venire che non resisto più .
Presi l'iniziativa andandogli a dare il mio culo da baciare in un sessantanove , era bello quel cazzo , un cazzo di venti centimetri e più , dritto e duro come il marmo .
Con la sua lingua che mi saettava nel culo raggiusi la sua cappella rosso porpora e me la feci scivolare per tutta la faccia , me lo picchiettai sul naso e sulle guance poi aprendo a dismisura la bocca iniziai a pompare .
Era buono , eccitante , inebriante .
Lo menai e pompai con l'intenzione di farlo sborrare d'avanti ai miei occhi socchiusi dal piacere e sentivo che questo era imminente .
Un suo lamento ed un suo sussulto mi fece capire che stava per venire , mi staccai con la bocca ma non con la mano e continuai a menare sempre più forte , fino a vedere il primo schizzo che saliva verso l'alto , il secondo lo indirizzai nella mia bocca , il terzo schizzo mi arrivò in gola .
Godevo di quel sapore , lo presi in bocca e lo feci finire così , nella mia bocca .

Si era fatto tardi , quasi le tre , andai in bagno a sistemarmi poi tornai in camera da letto pronto a lasciare quell'Uomo che mi aveva fatto godere .
Lui si alzò dal letto e ringraziandomi del tempo dedicatogli mi accompagnò alla porta dove vicino su di una mensola vi erano delle tabacchiere , tabacchiere che io guardai con interesse , lui se ne accorse , ne prese una , la più piccola e carina e me la regalò dicendo di tenerla come ricordo di quella sera .

Posta un commento

Nuova Vecchia